Tasse sugli yacht e sui carburanti: la Commissione europea avvia un'azione legale

L'Unione Europea cita l'Italia nel settore della tassazione della nautica da diporto di lusso

La Commissione europea ha annunciato una nuova fase del procedimento nei confronti di Cipro e dell'Italia per i vantaggi fiscali concessi al settore della nautica da diporto e della nautica di lusso, in particolare nella fornitura di carburante. Una distorsione spesso evidenziata dall'industria nautica francese.

Procedimento nei confronti dell'Italia per quanto riguarda i combustibili per imbarcazioni da diporto

Le attuali norme comunitarie in materia di accise consentono agli Stati membri di non tassare il carburante utilizzato da una società di navigazione a fini commerciali, ossia per la vendita di servizi di navigazione marittima. Un'esenzione può essere applicata, ma solo se la persona che noleggia l'imbarcazione vende questi servizi a terzi. Consentendo alle imbarcazioni da diporto noleggiate, come gli yacht, di qualificarsi come imbarcazioni "commerciali" anche se destinate all'uso personale, l'Italia le esenta dalle imposte sul carburante. La Commissione europea ritiene che tale pratica violi la legislazione comunitaria e ha deferito la questione alla Corte di giustizia europea. I professionisti della nautica dei paesi vicini e in particolare della Costa Azzurra hanno denunciato questa concorrenza sleale che, secondo loro, ha spinto gli yacht a fermarsi dall'altra parte del confine, causando una grave perdita di reddito.

Cipro e l'Italia coinvolte nell'IVA sugli yacht

Prima di un eventuale ricorso alla Corte di giustizia, la Commissione ha inoltre inviato un parere motivato a Cipro e all'Italia in merito alla riduzione dell'IVA per il noleggio di yacht. Rivelata nel contesto dei Paradise Papers, la prassi dei paesi interessati è quella di applicare una scala di riduzione dell'IVA sul noleggio di yacht, proporzionale alle dimensioni della nave. Poiché le norme UE consentono esenzioni quando la nave opera al di fuori dell'UE, la nave si basa sull'ipotesi della proporzionalità delle dimensioni dello yacht e della durata dei viaggi al di fuori dell'UE. La Commissione respinge l'argomentazione e la possibilità di una riduzione forfettaria.

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...