Barche a motore: Il Gruppo Bénéteau ha ambizioni di alto livello

Il Grand Trawler 62 di Bénéteau illustra l'evoluzione del Gruppo verso le grandi unità

Jeanneau, Bénéteau, Prestige... Il Gruppo Bénéteau ha presentato i suoi nuovi prodotti per la nuova stagione. Un'annata limitata che enfatizza le grandi unità e le timide evocazioni delle ambizioni ecologiche del leader mondiale dello yachting.

Bénéteau inaugura una comunicazione digitale e più stretta

In seguito all'annullamento del Festival di Cannes Yachting, la tradizionale conferenza stampa di ritorno a scuola del Gruppo Bénéteau non ha potuto essere tenuta fisicamente. A seguito dell'annuncio online del suo piano strategico, l'evento si è svolto nuovamente su internet, offrendo l'opportunità a Gianguido Girotti, Vice Presidente responsabile dei marchi, di discutere l'influenza della situazione sulla comunicazione del Gruppo. "Questa nuova normalità cambierà anche il modo in cui comunichiamo con i nostri concessionari e clienti"

Gianguido Girotti, vice-président du groupe Bénéteau
Gianguido Girotti, Vicepresidente del Gruppo Bénéteau

Al di là della forma, la presentazione è stata più limitata anche nel numero di prodotti. Ogni anno il gruppo ha presentato diverse decine di nuovi prodotti alle presentazioni di Cannes, mentre la motorizzazione d'epoca 2020 ha presentato solo 11 barche, alcune delle quali erano già state presentate durante l'inverno 2019/2020. Solo i marchi Jeanneau, Bénéteau e Prestige hanno beneficiato di una presentazione dettagliata. Le novità di Four Winns sono ancora attese per il salone nautico di Fort Lauderdale, mentre Gianguido Girotti mostra l'appetito del cantiere polacco Delphia per il mercato statunitense della navigazione interna. Per quanto riguarda i marchi Scarab, Glastron e Monte Carlo Yachts, che il gruppo ha annunciato a luglio che non faranno più parte del portafoglio entro il 2025, il vicepresidente si limita ad affermare che "la produzione continuerà". Le barche saranno presenti ai saloni nautici che si svolgeranno" In risposta alle domande, fa notare che le ipotesi sono aperte tra joint venture e vendita completa.

Barche più grandi e meglio attrezzate

Attraverso ognuno dei marchi, sembra emergere un posizionamento strategico. Il rinnovamento e lo sviluppo dei modelli sono focalizzati sulla fascia alta delle gamme di imbarcazioni, dal Cap Camarat 12.5 WA ai lanci della Prestige 690S e della Prestige X70, passando per il Grand Trawler 62 e l'Antares 11 Fly. "Abbiamo scelto di investire nella fascia alta della gamma per accompagnare gli armatori di Cap Camarat verso imbarcazioni più grandi", conferma Paul Blanc, responsabile del marchio Jeanneau.

Vedette Prestige X70
Prestige Star X70

Il lancio della gamma X Line Prestige conferma questo desiderio. Presentata come "isola privata", la Prestige X70 è la più grande imbarcazione mai costruita negli stabilimenti Jeanneau di Les Herbiers, avendo richiesto l'acquisizione di nuove competenze all'interno del cantiere. "Ci permetterà di riposizionare il marchio nel mercato globale, con un lancio di 70 piedi dove ci si sente come su una barca di 90 piedi", dice Erwin Bamps, responsabile del marchio Prestige. Interrogato su questo posizionamento in relazione all'esperienza di Monte Carlo Yachts, da cui il gruppo si sta ritirando, Gianguido Girotti insiste sulla forza della Prestige. "Abbiamo allestito due gamme in parallelo, ma Prestige è riuscita a creare una rete di distribuzione con grande successo fino a 80 piedi. Monte Carlo Yachts ha operato in altre dimensioni che oggi sono al di fuori delle ambizioni del gruppo"

Il nuovo Merry Fisher 795, il cuore del mercato, con una maggiore potenza del motore e aria condizionata su batterie al litio, dimostra la determinazione del Gruppo a concentrarsi su attrezzature e caratteristiche di alta gamma su imbarcazioni di tutte le dimensioni.

Club nautici e consumo di carburante per prepararsi alla transizione

Anche gli sviluppi futuri del mercato e per i diportisti sono delineati attraverso la presentazione delle imbarcazioni. Luca Brancaleon, direttore del marchio Bénéteau, cita, senza entrare nei dettagli, il fatto che nella progettazione del Flyer 9 si è tenuto conto dello sviluppo dei club nautici: "Ci stiamo pensando per tutti i modelli, perché si tratta di opportunità di crescita. C'è già un buon business di Boat Club in Europa, anche se non è così maturo come negli Stati Uniti. La barca ottimale non esiste ancora, ma si stanno sviluppando nuovi concetti. Ne riparleremo nel 2021"

Flyer 9 de Bénéteau
Volantino 9 da Bénéteau

La transizione ecologica viene timidamente evocata attraverso il consumo di energia. Secondo il costruttore, il Grand Trawler 62 è più economico del 65% rispetto alle barche a vela delle stesse dimensioni. Mentre dice che "la gente è pronta per le barche lente", Luca Brancaleon aggiunge che danno sempre la forza di andare veloce per un po'. "Le velocità medie sono ora più basse su tutte le barche della nostra gamma, poiché i diportisti oggi preferiscono avere più opzioni e attrezzature a bordo"

Altri articoli sui canali :