Intervista / Alain Pochon :"Le grand Pavois, un salon où l'on signe des ventes" (Il grande Pavois, mostra in cui si firmano le vendite)

Alain Pochon, presidente del Grand Pavois

Alain Pochon, Presidente del Grand Pavois, spiega il suo posizionamento commerciale, la sua politica internazionale e i vantaggi della fiera per gli espositori.

Industria nautica : Qual è la strategia e il posizionamento del Grand Pavois rispetto ad altre manifestazioni francesi ed europee?

Alain Pochon : Il Grand Pavois si distingue soprattutto per il suo divertimento. Questo non è solo un salone nautico. Tra queste attività, si segnalano quelle dello stand Pesca con il suo Concorso di Pesca e la presenza di chef stellati, i battesimi di navigazione sullo scivolo e l'area velica leggera della spiaggia dei Minimi.

Cerchiamo di sviluppare la nostra vicinanza con il professionista - utente. E 'una mostra di scoperta e non solo gli acquirenti. Questa politica ringiovanirà la clientela della nautica.

In termini di dimensioni, la configurazione e la clientela atlantica ci portano a puntare su imbarcazioni dai 6,5 ai 12 metri, che rappresentano il 70% delle unità esposte, quando Cannes raccoglie unità più grandi, con molti motoscafi.

BI : In che modo la vostra struttura associativa indipendente dalla Federazione delle Industrie Nautiche influenza la vostra attività?

AP : Anche se non siamo direttamente dipendenti da FIN, il Grand Pavois si svolge sotto il suo patrocinio e le nostre relazioni sono buone. Abbiamo anche un accordo con lei per il Passeport groupé d'accès aux salons.

BI : Quale politica state attuando per attrarre cantieri internazionali?

AP: Non abbiamo una politica commerciale specificamente dedicata ai cantieri navali stranieri. Beneficiano delle stesse offerte fedeltà degli altri clienti, come la terza barca in mostra offerta per i nuovi espositori che ritornano l'anno successivo.

La fiera deve generalmente far fronte ad un fatturato del 20% degli espositori. Al fine di mantenere l'offerta ai visitatori, dobbiamo quindi rinnovare costantemente la nostra clientela. A tal fine, abbiamo una politica volontaria di trovare nuovi espositori in altre fiere, in Francia e all'estero.

BI : Conosciamo la quota di visitatori stranieri? Esiste una politica specifica in tal senso?

AP : L'apertura della mostra ai visitatori stranieri è ovviamente interessante per il Grand Pavois. È difficile stimare la presenza internazionale, che varia notevolmente da un anno all'altro. Quando lo spettacolo è in ritardo come quest'anno, l'offerta limitata di trasporto fuori stagione per La Rochelle ci penalizza. Pertanto, il successo del lavoro svolto l'anno scorso nei confronti della Svizzera non può essere ripetuto quest'anno, poiché il collegamento aereo La Rochelle - Ginevra è già sospeso per l'inverno.

BI : Il Grand Pavois ha l'immagine di uno spettacolo dove si acquista, più di uno spettacolo di curiosità come altri eventi. Disponete di dati che confermino tale sensazione?

AP : Infatti, fin dalla sua creazione, il Grand Pavois è sempre stato una mostra di vendita e non solo una mostra di contatto. In base alla mia esperienza con Pochon e al feedback dei cantieri, essi realizzano tra il 10 e il 15% del loro fatturato annuale alla fiera. Questa caratteristica rende il Grand Pavois un investimento interessante per i professionisti della nautica, con un buon rapporto qualità-prezzo, caratterizzato da un elevato rapporto prezzo di vendita/ prezzo dello stand.

I servizi inoltre, come gli affittuari prendono molte prenotazioni durante lo spettacolo.

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...
Storia del lungometraggio : Grand Pavois

Il Grand Pavois non è limitato a una fiera nel 2017