Covid-19 : Come affronta l'industria nautica francese la crisi sanitaria e le sue conseguenze?

Fabbrica Bénéteau © Bénéteau

La crisi sanitaria legata a Covid-19 colpisce tutta la società francese e internazionale. La Federazione Francese delle Industrie Nautiche ci informa del feedback dell'industria nautica sul suo impatto e delle azioni iniziali messe in atto per affrontarlo.

Un dispositivo dedicato a Covid 19 presso la Federazione delle Industrie Nautiche

La crisi sanitaria e le misure restrittive imposte ai privati e alle imprese avranno un impatto sull'intera economia, compreso il settore nautico, soprattutto in vista della stagione 2020. "Molte domande ci vengono rivolte, spesso legittime, dai nostri membri. Abbiamo già tenuto diversi incontri con alcune professioni per valutare la situazione. D'altra parte, diffondiamo messaggi ufficiali attraverso i nostri vari feed di notizie e mezzi di comunicazione e abbiamo creato un indirizzo e-mail specifico: covid-19@fin.fr accessibile a tutto il settore, siano essi membri o meno, per porre domande", spiega Fabien Métayer, delegato generale della Fédération des Industries Nautiques.

Fabien Métayer, Delegato Generale della Fédération des Industries Nautiques (Federazione Francese delle Industrie Nautiche)

Noleggi di barche e servizi nautici già pesantemente colpiti

I professionisti hanno già segnalato le difficoltà nel campo del noleggio di barche, con un calo catastrofico delle prenotazioni, come per tutto il settore turistico. Sorgono anche questioni pratiche. "Come si comporta con un equipaggio di ritorno da una crociera, quando i porti turistici dovrebbero essere chiusi", ci ha chiesto una società di charter d'oltreoceano? È necessario dare prova di responsabilità e avvicinarsi alle autorità, poiché le prefetture possono adottare misure locali più restrittive di quelle concordate a livello nazionale" illustra Fabien Métayer. "Per quanto riguarda le riserve, la nozione di forza maggiore non è stata ancora annunciata al di fuori degli appalti pubblici. Dovremo aspettare il chiarimento di Bercy"

Va notato che la maggior parte delle capitanerie di porto sono attualmente chiuse in quanto la navigazione non è un'"attività essenziale".

Anche il noleggio di barche nei Caraibi è interessato (Foto DR:Sunsail)

Produzione di imbarcazioni a motore

Per quanto riguarda la produzione di imbarcazioni da diporto, l'attività non è stata formalmente interrotta a partire dal 17 marzo 2020. Tuttavia, i principali cantieri navali hanno annunciato la chiusura dei loro impianti di produzione, come Fountaine-Pajot, Dufour e Catana. Il Gruppo Bénéteau avrebbe dovuto prendere la sua decisione entro la giornata. "Per i cantieri navali che continuano, si tratta di rispettare le istruzioni organizzative per mantenere la distanza tra i dipendenti, l'uso di maschere..." ricorda il signor Métayer.

Per quanto riguarda le esportazioni, può continuare fino ad oggi, poiché la chiusura delle frontiere dell'area Schengen è limitata alle persone.

Se le condizioni di produzione ne risentono, è ancora troppo presto per misurare il possibile impatto sugli ordini e le possibili cancellazioni da parte dei diportisti in difficoltà economiche.