L'industria nautica è davvero tornata al livello di prima della crisi?

La Federazione delle industrie nautiche ha tenuto la sua conferenza "back to school" del 2019. Vendite, esportazioni, assunzioni... I dettagli di queste cifre fanno luce sulla realtà della nautica e sulla sua situazione.

Entrate in crescita per la nautica da diporto

In occasione della tradizionale conferenza della Federazione delle industrie nautiche (FIN), Yves Lyon-Caen, suo presidente, ha presentato le statistiche della professione per l'anno 2018. Il fatturato complessivo del settore nel 2018 ha superato i 5 miliardi di euro, raggiungendo i 5,09 miliardi di euro. L'aumento è di +5% rispetto al 2017. Il numero di imbarcazioni nuove vendute in Francia è aumentato del 3,4% e il numero di imbarcazioni usate del 3,5%.

La quota delle esportazioni continua ad aumentare. Nel 2017/2018 ha raggiunto il 76,4%, rispetto al 75,1% dell'anno precedente. L'Unione europea e le esportazioni a distanza rappresentano circa la metà di queste vendite internazionali di imbarcazioni.

Problemi di reclutamento

Il numero di dipendenti delle società nautiche è aumentato del +3,6% rispetto al 2018. Nella sua presentazione, FIN annuncia la creazione di 1000 posti di lavoro all'anno negli ultimi 3 anni nel settore. La tendenza dovrebbe continuare. Il 70% dei produttori prevede di assumere nel 2019-2020, di cui il 45% con contratti a tempo indeterminato.

Queste offerte di lavoro sono legate principalmente al dinamismo del mercato, attraverso la crescita delle imprese esistenti o la creazione di nuove imprese, nonché alla pensione, in particolare nel settore della costruzione di imbarcazioni da diporto. Di conseguenza, il reclutamento è difficile. Le aree più critiche sono l'uso di materiali compositi e la disposizione interna delle imbarcazioni.

Per rispondere a queste esigenze, FIN annuncia diverse iniziative. In particolare, intende creare un corso di formazione iniziale di costruzione nautica con il Dipartimento Nazionale dell'Educazione e lavorare all'adeguamento dei 12 Certificati di qualificazione professionale del settore alle esigenze del mercato.

Scopri il cantiere del settore nautico di BoatIndustry su ImpiegareBateau.com

Come si confronta con il periodo precedente la crisi del 2008?

La FIN accoglie inoltre con favore il ritorno della nautica da diporto a livelli superiori a quelli precedenti la crisi del 2008. Infatti, il fatturato di 5,09 miliardi di euro supera quello di 4,9 miliardi di euro nel 2008. Ma le dimensioni delle barche sono aumentate notevolmente, così come il loro prezzo. Di conseguenza, il numero di barche a vela e unità a motore vendute rimane inferiore a quello del 2008. Il numero di proprietari di imbarcazioni è quindi più limitato. Se il noleggio di imbarcazioni compensa parzialmente questa tendenza, i costruttori potrebbero trovarsi in una posizione vulnerabile. Gli eventi attuali dell'anno e la liquidazione di diversi produttori hanno purtroppo mostrato la difficoltà per i piccoli cantieri che vendono poche unità di fronte a potenziali problemi con un acquirente.

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...