Guerra commerciale negli Stati Uniti: cifre false nella nautica da diporto

La NMMA ha pubblicato le statistiche sulle esportazioni dell'industria nautica per l'anno 2018. Queste cifre non riflettono esattamente gli effetti della guerra commerciale e doganale lanciata dagli Stati Uniti.

Le esportazioni di navi e motori marini sono in aumento

La National Marine Manufacturers Association (NMMA) ha pubblicato le sue statistiche sulle vendite di imbarcazioni e motori marini nel 2018. Le esportazioni dagli Stati Uniti sono valutate a 2 miliardi di dollari, con un aumento del 15% rispetto al 2017. Anche le importazioni sono aumentate del 5%, raggiungendo il record di 3,3 miliardi di dollari.

L'impatto delle barriere doganali sulla nautica da diporto non Ŕ molto visibile

L'installazione di barriere doganali sulle imbarcazioni da diporto e sui motori provenienti dagli Stati Uniti non Ŕ stata efficace fino alla metÓ del 2018. Ha avuto effetti paradossali sull'industria navale, commenta il presidente di NMMA Thom Dammrich. "La maggior parte della crescita del 2018 riflette un boom delle esportazioni prima che il Canada, il Messico e le misure di ritorsione fiscale dell'Unione europea siano entrate in vigore, nel tentativo dei produttori e dei distributori internazionali statunitensi di evitare di pagare tasse aggiuntive. Dopo l'entrata in vigore di queste tariffe, le esportazioni verso il Canada, il Messico e l'Unione Europea sono diminuite del 24% nella seconda metÓ del 2018"

Paure per i fuoribordo

Il presidente della NMMA ha inoltre espresso la sua preoccupazione per il mercato dei fuoribordo: "Gli Stati Uniti sono storicamente esportatori di imbarcazioni fuoribordo. Ma la guerra commerciale e le ritorsioni tariffarie hanno l'effetto opposto, rendendo i prodotti statunitensi meno competitivi all'estero, aprendo le porte a nuovi operatori di altri paesi"

Altri articoli sui canali :

RÚagir Ó cet article :
Ajouter un commentaire...