Intervista / Festival di Cannes: "Lasciamo spazio ai piccoli espositori"

Sylvie Ernoult, Commissario generale del Festival di Cannes

Sylvie Ernoult, Direttore Generale del Festival di Cannes Yachting, parla con BoatIndustry delle informazioni di interesse per gli espositori alla vigilia dell'edizione 2019. Profili dei visitatori e delle aziende nautiche presenti, prezzi, posizionamento commerciale, organizzazione di prove in mare...

Una settimana prima del Festival di Cannes, la commissaria generale dell'evento nautico del ritorno a scuola, Sylvie Ernoult, risponde alle domande di BoatIndustry sulla sua organizzazione e i suoi sviluppi.

Quali sono le principali tendenze nel profilo degli espositori del Cannes Yachting Festival 2018?

Per cominciare, ci sono sempre più espositori. Siamo passati da 528 aziende l'anno scorso a 542 quest'anno. E ciò che è importante è che manteniamo la quota di un terzo dei nuovi espositori. E' importante per noi lasciare sempre spazio a persone nuove. In questo modo è possibile stare al passo con gli sviluppi nel settore nautico, in aree come Princess, Enata o Seair, o Rainboat con motori elettrici. Lasciamo spazio per piccole strutture mantenendo i grandi espositori. Ci sono tutti i grandi nomi della nautica da diporto tra i 5 e i 50 metri. Anche la vela rimane molto presente e i catamarani continuano a crescere.

Quali azioni di comunicazione avete realizzato? A quale profilo di visitatore si rivolge?

Non c'è un cambiamento radicale. Abbiamo continuato la comunicazione internazionale, con sempre più azioni verso i media lifestyle per ampliare la portata delle persone colpite. Ci stiamo aprendo a importanti media generalisti, che consolidano il posto della manifestazione nel panorama mondiale della nautica da diporto.

Quali sono gli sviluppi negli spazi espositivi?

I giocattoli, che attirano molti visitatori, sono stati tutti spostati a Port Canto, per preparare i prossimi sviluppi nel 2019, che saranno svelati all'apertura dell'edizione 2018. Stiamo sviluppando l'accesso al Porto Canto e continuiamo ad ampliare la galleria di lusso, riservata ai prodotti di lusso al di fuori del settore nautico, su richiesta dei clienti.

Qual è la politica dei prezzi della fiera per gli espositori?

Come accade da diversi anni, il tasso per metro quadro viene mantenuto al passo con l'inflazione. E' una scelta, e ne sono felice, nonostante una maggiore richiesta che ci permetterebbe di aumentare i prezzi. Si tratta di una politica ragionevole e coerente in relazione al nostro posizionamento rispetto ad altri saloni nautici.

Ci sono cambiamenti nell'organizzazione delle prove in mare?

Stiamo cercando di normalizzare le cose con l'obiettivo di rendere le operazioni più sicure e più fluide. Ora ci saranno orari fissi di apertura dell'attraversamento in cui le imbarcazioni dovranno presentarsi. Questo impedirà loro di aspettare e di aggrapparsi a una situazione che potrebbe essere rischiosa. Inoltre, le attrezzature sono state rafforzate e gli operatori sono stati formati per evitare guasti come quello incontrato l'anno scorso (Nota dell'editore: che ha portato alla chiusura al traffico per più di mezza giornata)

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...