Il Gruppo Bénéteau per vendere diversi marchi di barche

Il marchio di barche a vela CNB deve lasciare il Gruppo Bénéteau © Nicolas Claris

Il leader mondiale dello yachting ha presentato il suo piano strategico 2020-2025. Cessione di marchi di barche a motore e a vela, riorganizzazione industriale, diversificazione verso il noleggio e porti turistici ... Ecco i punti chiave del programma del Gruppo Bénéteau.

Bénéteau lancia il suo piano strategico in un contesto di crisi

Il 9 luglio 2020, il Gruppo Bénéteau ha presentato il suo piano strategico per il periodo 2020-2025. Atteso dall'arrivo del nuovo CEO, Jérôme de Metz, nell'estate del 2019, era stato rinviato a seguito della crisi di Covid19. Le conseguenze di questa crisi hanno creato un quadro speciale per gli annunci: allo stesso tempo, il Gruppo Bénéteau ha consegnato i risultati dei primi 9 mesi dell'anno fiscale, registrando un calo complessivo delle vendite del -17,9% nel periodo e del -18,4% solo per la divisione yacht. Il calo più significativo riguarda il mercato europeo e quello americano.

Vendita dei marchi CNB, Monte Carlo Yachts, Glastron e Scarabeo

Già in atto dall'arrivo di Gianguido Girotti come Deputy CEO per Marchi e Prodotti, la riflessione sui diversi marchi del Gruppo Bénéteau e sulla loro possibile ridondanza sta prendendo sempre più piede. Nel suo nuovo piano strategico Let's Go Beyond, il leader francese dello yachting annuncia, dietro il nome di "Maison des Marques", una rifocalizzazione su 8 marchi invece di 12. Entro il 2025 i marchi CNB, Monte Carlo Yachts, Glastron e Scarab saranno venduti o scomparsi dal catalogo del gruppo. Il numero di modelli offerti deve essere ridotto da 183 a 128, con una diminuzione del 30%.

Marques conservées par le groupe Bénéteau
Marchi conservati dal Gruppo Bénéteau

Rifocalizzazione della gamma di imbarcazioni

Il gruppo individua 4 segmenti principali dell'industria nautica:

  • la dayboat, la cui dimensione è ridotta, a partire da 18 piedi invece che da 16. Il marchio Four Winns dovrebbe essere ridisegnato. Uno schizzo di un catamarano viene proposto come illustrazione...
  • "immobili sull'acqua", compresi motoscafi, pescherecci a strascico e grandi catamarani. Il numero di modelli è diviso per 2. Jeanneau dovrebbe uscire da questo segmento e la vendita di Monte Carlo Yachts riduce le dimensioni dell'ammiraglia a 80 piedi invece che a 105. Il posizionamento mostra il riorientamento del gruppo verso la nautica da diporto, allontanandosi dai grandi yacht.
  • la vela monoscafo, il cui pannello è notevolmente ridotto. Le piccole imbarcazioni, il cui ritorno è stato annunciato, vengono nuovamente eliminate. Il range di ingresso è aumentato a 27 piedi invece che a 14. La vendita della CNB abbassa anche la parte superiore del pannello a 65 piedi.
  • la vela multiscafo si mantiene nel segmento più dinamico dello yachting, con lo storico marchio Lagoon e il neonato Excess.
Esquisse d'un futur bateau Four Winns
Schizzo di una futura barca Quattro Vittorie

Ridurre i costi di produzione e di sviluppo delle imbarcazioni

Oltre al posizionamento del marchio, il Gruppo Bénéteau, che si è posto l'ambizione di raggiungere un margine operativo superiore al 10% non appena lo yachting tornerà al livello pre-crisi, sta lavorando alle sue attività industriali. L'obiettivo è quello di ridurre del 25% i tempi di sviluppo dei nuovi modelli. Secondo il management, il miglioramento della redditività dovrebbe essere ottenuto riducendo il costo degli strumenti, aumentando il numero di sistemi comuni tra i modelli e condividendo le fabbriche tra le marche, per segmento di imbarcazione. Anche l'organigramma è in fase di revisione per operare per attività a livello globale.

Organigramme du groupe Bénéteau
Organigramma del Gruppo Bénéteau

Ai porti turistici Bénéteau e alle basi di noleggio?

Il programma di digitalizzazione deve continuare. La direzione parla dell'ambizione di BandofBoats di diventare leader nella vendita di barche usate su internet. Le nuove imbarcazioni annunciate saranno collegate, mentre un CRM comune a tutti i marchi dovrebbe consentire la condivisione delle informazioni.

Ma la diversificazione andrà oltre. Senza entrare in ulteriori dettagli, il documento di gestione menziona nuove professioni: noleggio, club nautici, porti turistici e sport acquatici.

Cambiamenti significativi

Fin dall'arrivo del nuovo amministratore delegato, aspettavamo l'annuncio del nuovo corso che intendeva stabilire. Dopo l'era del rapido sviluppo e dell'esplosione delle offerte sotto la guida di Hervé Gastinel, i tempi sembrano maturi per la rifocalizzazione. Mentre si parla di "riduzione dei costi fissi", così come della vendita dei marchi, le conseguenze per i dipendenti in Francia e nel mondo intero del Gruppo Bénéteau non sono menzionate. Dopo un periodo di forti assunzioni, la politica delle risorse umane sarà probabilmente influenzata dall'annunciata riduzione del personale.

Ci sono stati cambiamenti anche negli annunci di diversificazione. Mentre l'ex CEO, interrogato sull'opportunità di investire nel chartering come Fountaine-Pajot attraverso Dream Yacht Charter e la loro comune partecipazione azionaria, ha ritenuto inopportuno entrare nel campo dei suoi clienti charter, il nuovo management presenta il chartering come un asse di diversificazione.

Ora dovremo attendere le prime decisioni per vedere le conseguenze concrete delle azioni del Gruppo Bénéteau sul mercato della nautica da diporto nel suo complesso, in particolare il nuovo spazio lasciato ad altri yacht, grandi e piccoli.

Altri articoli sui canali :