Quali sono le prospettive del Gruppo Bénéteau per il 2018-2019?

Barca a vela Oceanis del gruppo Bénéteau

Il leader francese dello yachting ha pubblicato il suo rapporto di attività per l'esercizio 2018-2019. I dati di vendita delle imbarcazioni, l'integrazione industriale internazionale, la nuova organizzazione... I punti chiave della relazione.

Le vendite del Gruppo Bénéteau continuano a crescere

I risultati finali del Gruppo Bénéteau per l'esercizio 2018-2019 mostrano un fatturato di 1,336 miliardi di euro, con un incremento del 3,8%. 1,143 miliardi di euro provengono dal settore nautico, in crescita del +4,6%. In linea con il mercato, la crescita della società è rallentata rispetto all'anno precedente, quando aveva registrato un +6,7%. Il business della nautica, dominato dalle unità a motore al 53,5%, è trainato da due settori particolarmente dinamici: le imbarcazioni a vela multiscafo e le imbarcazioni fuoribordo a motore. L'Europa rimane il principale mercato del Gruppo Bénéteau, con il 51,5%, seguita dal Nord America con il 28,6%. Quest'ultimo ha subito gli effetti della guerra commerciale tra l'Unione Europea e gli Stati Uniti.

Internazionalizzazione del leader del settore nautico

Per consolidare la propria posizione, il Gruppo Bénéteau ha acquisito i marchi Seascape e Delphia nel 2018. L'esercizio 2018-2019 è stato un anno di integrazione, attingendo in particolare all'esperienza del sito polacco di Ostroda Yachts, che fa parte del Gruppo da diversi anni. L'organico internazionale del Gruppo Bénéteau è oggi di 2.835 dipendenti su un totale di 8.361.

Il Gruppo Bénéteau ha inoltre internazionalizzato la propria gestione industriale costruendo le prime imbarcazioni a marchio Jeanneau nel 2019 presso lo stabilimento di Cadillac negli Stati Uniti e trasferendo in Italia le alte navi CNB Yachts.

Il nuovo management affina il suo piano strategico

Durante il suo primo discorso pubblico a Cannes nel 2019, Jérôme de Metz ha annunciato che il futuro piano strategico non sarà deciso in fretta. Ciò è confermato dal contenuto del rapporto di attività. Senza rivelare i dettagli, si affermano alcune linee guida. " Ci stiamo lavorando sodo. Si basa sull'idea, semplice ma a volte delicata, che gli interessi del Gruppo abbiano la precedenza su quelli dei marchi o delle unità che lo compongono. "dice l'amministratore delegato. La distinzione tra il portafoglio di marchi e lo strumento industriale dovrebbe essere rafforzata.

Altri articoli sui canali :