Alubat, un nuovo CEO con competenza nella costruzione di alluminio ed esperienza nella navigazione offshore

Dopo il pensionamento di Christian Picard nel gennaio 2020, il cantiere Alubat ha trovato un nuovo Direttore Generale nella persona di Hakim Hahmoun, che Ŕ stato alla guida del cantiere di Olbia fino ad oggi.

Dal 1974, ALUBAT costruisce yacht interamente in alluminio. Le barche a chiglia, poi i gommoni integrali, riconoscibili per i loro scafi a carena che il marchio rivendica come suo concetto. Questi yacht sono particolarmente adatti per crociere a lunga distanza.

Hakim Rahmoun à la tête d'Alubat
Christian Picard si ritira.

La rinascita di Alubat

Nel 2014, dopo qualche battuta d'arresto, 14 industriali della Vandea amanti della vela e dei lunghi viaggi, rappresentati da Michel Barson, hanno rilevato il cantiere navale di Sables-d'Olonne e hanno affidato a Christian Picard la direzione generale. Con pi¨ di 25 anni di esperienza nella nautica e nella navigazione, questo ringiovanisce la gamma, perpetuando i valori storici del cantiere e rilancia il cantiere. Nel gennaio 2020 va in pensione.

Hakim Rahmoun si unisce al cantiere navale di sabbia. Hakim Rahmoun, che Ŕ all'inizio dei suoi cinquant'anni, ha una lunga esperienza nella costruzione di navi in acciaio e alluminio e ha lavorato in tutti i settori della cantieristica navale.

? Sono particolarmente entusiasta di prendere il posto di Christian Picard, ha snellito e rinnovato la gamma, Alubat produce meglio e meno costoso ", dice Hakim Rahmou. ? In primo luogo, mantenere lo slancio dell'azienda sarÓ la mia prioritÓ. Poi convalider˛ una strategia con i 14 azionisti. Ho le mie idee. Il Boot di DŘsseldorf (ndr: 18-26 gennaio 2020) sarÓ l'inizio della mia avventura con Alubat. ?

Hakim Rahmoun à la tête d'Alubat
Hakim Rahmoun ora al comando di Alubat

Una famiglia ispirata da Alubat

Un'avventura che gli sta tanto pi¨ a cuore in quanto suo padre Larbi, anch'egli costruttore di barche in acciaio e alluminio (ora deceduto), era un fan incondizionato delle costruzioni di Alubat. Al fianco del padre, Hakim ha iniziato la sua carriera velica molto presto, imparando a navigare e poi a motore, per poi continuare nel 2000 con l'acquisizione del cantiere navale di Olbia a HyŔres. Questo cantiere Ŕ specializzato dal 1988 in allestimenti di scafi, refit e selleria. Come suo padre, Hakim dirige il cantiere di Olbia verso le costruzioni in acciaio e legno ed evita il poliestere.

Il nuovo mondo di Olbia

Nel 2014 Hakim ha deciso di allestire il cantiere nel bacino di Arcachon e ha varato il New World, una spessa barca a vela in alluminio progettata per la crociera oceanica. Dopo questo primo modello da 9 metri, la gamma deve essere ampliata con un 11 metri. ╚ proprio attraverso questi modelli che si avvicina ad Alubat.

? La struttura artigianale del cantiere di Olbia non permette una produzione efficiente, ho cercato di avvicinarmi a cantieri pi¨ industriali in grado di garantire una produzione adeguata e meno costosa ?. Logicamente Alubat viene contattato. ? Fu durante un incontro con Christian Picard che mi parl˛ del suo imminente pensionamento. Ma non riusciamo a trovare alcun collegamento possibile con Olbia per produrre il Nuovo Mondo. La prioritÓ dei 14 azionisti Ŕ di assumere un amministratore delegato, non di diversificare la produzione del sito. ?

Una storia di uomini

Christian e Hakim rimangono in contatto e infine Hakim viene proposto agli azionisti di assumere la guida del cantiere Alubat come amministratore delegato.

? Da 3 anni il cantiere Alubat mostra risultati positivi, l'Ovni 400 vende bene e il lavoro svolto da Christian Ŕ notevole. Il mio ruolo sarÓ quello di mantenere questo slancio "dice Hakim. La scelta dei 14 azionisti Ŕ per Hakim un vero e proprio riconoscimento della sua competenza, convalidata da una partecipazione nel capitale di Alubat.

Hakim Rahmoun à la tête d'Alubat
L'Ovni 400, nuovo 2019 del cantiere Alubat

Quale suite per il cortile di Olbia?

Per quanto riguarda il futuro del cantiere di Olbia, Hakim e il suo partner finanziario non vogliono continuare e immaginano una chiusura della struttura. Eppure, il Nuovo Mondo ha i suoi clienti e sarebbe un peccato non prolungare questa avventura. Il futuro probabilmente ci dirÓ di pi¨..

Altri articoli sui canali :