Intervista / Grand Pavois: Alain Pochon spiega il programma e la posta in gioco del salone nautico

Alain Pochon, Presidente dell'Organizzazione del Grande Pavois

Nuove date, sviluppi e posizionamento nel calendario di ritorno al mare... Alain Pochon discute con BoatIndustry le novità del Grand Pavois, il salone nautico di La Rochelle.

Dopo l'annuncio che il Grand Pavois cambierà le sue date nel 2020, eliminando il lunedì di chiusura a favore di un'apertura anticipata il martedì, abbiamo fatto il punto della situazione al salone nautico di La Rochelle con Alain Pochon, Presidente dell'Organizzazione del Grand Pavois.

Avete annunciato un cambiamento nelle date del Grand Pavois nel 2020 e l'abolizione di lunedì. Quali sono le ragioni di tutto questo?

Tradizionalmente, il lunedì era il giorno dei commercianti. Questo è scomparso perché ora lavorano tutti i giorni. Oggi, molti espositori partono e riordinano lunedì. Era diventato un giorno quasi morto. Questo non dovrebbe cambiare molto sulle vendite, che logicamente si riferiranno alla domenica. Il Grand Pavois è un salone per l'acquisto di barche con vendite ogni giorno.

E la vicinanza al Festival di Cannes Yachting, così com'era nel 2019? Le edizioni del 2020 saranno più lontane.

C'è sempre stata la volontà di allontanarsi da Cannes perché abbiamo espositori comuni. Ma il Grand Pavois non può svolgersi prima del 10 settembre perché ci sono altri eventi a La Rochelle e i mezzi tecnici del comune non sono disponibili. Inoltre, il porto di Minimes perderebbe troppi clienti. D'altra parte, c'è il problema delle maree. Avevamo condotto studi di capovolgimento per accogliere le imbarcazioni a grande profondità nei bacini de minimes a grandi coefficienti di marea. I budget da 2 a 2,5 Meuros erano troppo alti per la comunità. Purtroppo, quando le date saranno vicine a Cannes a causa dei coefficienti, rimarrà un problema perché ci sarà solo un giorno di botte per gli espositori prima dell'apertura di martedì.

Qual è la sua valutazione del Grand Pavois 2019?

E' stata una buona edizione con molte barche vendute. La vicinanza al Festival di Cannes Yachting ha comportato una minore affluenza di clienti parigini. C'era anche l'attrazione del nuovo salone nautico di Cannes. Nel 2006/2008 abbiamo anche voluto lanciare uno show su 2 siti con multiscafi e grandi unità nel bacino dei pescherecci a strascico, vicino al centro della città. Con la crisi abbiamo perso l'occasione e me ne rammarico, anche se ciò pone problemi organizzativi, soprattutto per i cantieri generalisti che devono gestire 2 stand.

Quali cambiamenti sono previsti per il 2020?

Continueremo gli sviluppi, mantenendo il nuovo ingresso in fondo alla sala OEM e migliorando le navette. La grande sala B, la sala di servizio, sta per scomparire. Sarà trasformato in diversi piccoli villaggi. In questo modo si libererà spazio sulle rampe per l'esposizione a terra di piccole imbarcazioni, come richiesto dai cantieri. Infatti, il costo per loro è inferiore e le barche nuove, non varate, sono direttamente rivendibili.

Altri articoli sui canali :