Tour del Finistère: la classifica dell'azienda seduce i professionisti della nautica da diporto

Il Tour du Finistère à la Voile ha una speciale classificazione aziendale. La Filière Mer del Crédit Agricole e il cantiere Marée Haute, che si sono schierati nella categoria, spiegano le loro motivazioni e il loro interesse come professionisti dello yachting.

Le compagnie di sport acquatici si mettono in fila per la gara di vela del Tour du Finistère

Una delle caratteristiche specifiche del Tour du Finistère à la voile è l'esistenza di una speciale classifica per i cosiddetti equipaggi "aziendali". Qualsiasi nave in cui più della metà dei marinai a bordo lavora nella stessa compagnia può rivendicare il titolo. Diverse aziende legate al settore della nautica da diporto e dello yachting hanno sostenuto una barca a vela nella categoria. Il Crédit Agricole du Finistère e il cantiere navale Marée Haute spiegano l'interesse dell'operazione per le loro società.

Rafforzare la posizione del Crédit Agricole nell'economia di Glaz

Il Crédit Agricole si occupa da decenni di sponsorizzazioni veliche a livello locale e nazionale, e questo non è il suo primo Tour du Finistère. "Il progetto del Crédit Agricole Filière Mer ha 6 anni e questo è il suo 6° Tour du Finistère, il primo con il nostro nuovo skipper Alain Barazer", spiega Stéphanie Tiphaigne, responsabile del progetto Filière Mer al Crédit Agricole du Finistère. "E' difficile essere un marinaio quando c'è l'agricoltura nel nome. Il Glaz dimostra che è possibile e promuove l'economia di Glaz"

Coesione aziendale

Oltre alla comunicazione esterna, gli equipaggi aziendali sono strumenti di coesione interna e di sviluppo del business. Al Crédit Agricole, l'equipaggio è composto da uno skipper fornitore di servizi e da metà degli amministratori e dei dipendenti. "Posso contare su una piscina di circa trenta persone per essere 8 in acqua ogni domenica", spiega lo skipper Alain Barazer. "Oltre a questo, facciamo l'iniziazione interna per portare i giovani a bordo e a volte portiamo a bordo i clienti. Il JPK 10.80 è un buon compromesso per le prestazioni in regata, ancora accessibile ai principianti"

Riaprire l'alta marea alla regata

Da parte sua, il cantiere Marée Haute de Trégunc ha anche un obiettivo commerciale dietro il Tour du Finistère 2019. L'equipaggio, composto in gran parte da dipendenti della società, navigava su un Django 9,80. "Il cantiere è nato con la regata e la Mini 6.50, ma se ne è allontanato. Il nostro obiettivo al Tour du Finistère è quello di mostrare le capacità del Django 9.80 in gara. Per dimostrare che ci si può divertire, anche se la barca non è stata progettata per questo all'inizio, ma per la crociera. Nella prima fase siamo stati in grado di accogliere anche 2 prospettive interessate", riassume Serge Calvez, direttore del cantiere.

Altri articoli sui canali :