Intervista / "La filosofia del Grand Pavois è quella di essere vicino ai nostri espositori"

Gran Pavoia

Il Grand Pavois sarà organizzato dal 26 settembre al 1° ottobre 2018 al Port des Minimes. Pierrick Garenne, Vice Curatore Generale della mostra, spiega cosa rende la mostra e cosa c'è di nuovo - che riguarda principalmente la riorganizzazione dello spazio espositivo - in questa prossima edizione.

Quando si svolgerà la prossima edizione del Grand Pavois?

Anche quest'anno il Grand Pavois sta cambiando data e si terrà dal 26 settembre al 1° ottobre 2018. Siamo colpiti per 15 giorni e non solo nei 6 giorni di esposizione. Le maree sono un problema importante per la nostra organizzazione e sono difficili da gestire. Gli espositori devono portare e lasciare le loro barche prima e dopo l'apertura al pubblico, questo è ciò che ci impone questo costante cambiamento di date.

E questo non è l'unico dato da gestire, visto che ogni anno centinaia di imbarcazioni devono essere spostate. Questo è indicato nei contratti portuali di ogni diportista o professionista. E 'stato pianificato quando lo spettacolo di Pertuis è stato spostato a Les Minimes.

Come definirebbe il Grand Pavois?

Si tratta di uno spettacolo a prezzi accessibili per i piccoli cantieri edili in quanto si tratta di uno spettacolo associativo. Il rapporto qualità/prezzo è interessante sia a terra che a galleggiante, per cui accogliamo con favore i piccoli cantieri, che rendono la ricchezza dell'offerta e dei cantieri all'interno della mostra. Abbiamo recensioni stampa che approfittano dello spettacolo per organizzare le loro elezioni, come lo Yacht europeo dell'anno.

La nostra filosofia è quella di essere vicini ai nostri espositori e di ottimizzare la manifestazione per accogliere cantieri di piccole e grandi dimensioni. Le imbarcazioni presentate a galla sono infatti in aumento e la superficie a terra anche per ospitare un numero ancora maggiore di unità. Rimaniamo attenti ai professionisti e rispondiamo alle loro richieste.

Il DNA del Grand Pavois è quello di adattarsi alle tendenze del mercato. C'è una ripresa della professione, e i cantieri navali vogliono esporre in acqua, ma anche a terra per mostrare la gamma al massimo. Il mediano rimane più adatto per piccole unità e richiede meno preparazione (antivegetativa, oliatura motore...)

Quale spazio funziona meglio?

La zona di pesca è in pieno svolgimento e continua a crescere di potenza con la pesca Grand Pavois (non uccidere la concorrenza di pesca organizzata durante lo spettacolo). La zona semirigida/di pesca continuerà ad evolversi rispetto al 2017. I marchi saranno fisicamente presenti, così come prostaffers, guide, ecc. Sono conosciuti dai pescatori, sono le stelle dell'ambiente e attirano la gente.

La Spiaggia è anche un elemento importante per organizzare animazioni, con uno spazio molto bello, che vive molto bene da solo in particolare il venerdì e fino a domenica. Organizziamo animazioni negli altri giorni per attirare le persone perché ci sta a cuore questo spazio.

I giovani vengono messi in pratica con due vasche e prove in mare. Anche se è più uno spazio di animazione, vi si fanno anche proiezioni, incontri. Si tratta di uno spazio interessante e in evoluzione a seconda del mercato.

La barca evento è importante anche con una bella storia da raccontare. È la meccanica del Grand Pavois. Ci piace anche aiutare le persone presentando i loro progetti: Sébastien Roubinet, Yvan Bourgnon, Le Damien, ecc.

E quello che funziona meno commercialmente?

Il Villaggio del Legno con i tradizionali cantieri che hanno fortemente sofferto la crisi del 2011. Abbiamo esitato a fermarlo, ma è importante per noi, per loro e per i visitatori. Fa parte del DNA del soggiorno. Oggi è stata ribattezzata "Area Patrimonio e Tradizione". Ci sono meno espositori perché c'è stato il desiderio di rivolgersi meglio agli espositori... Abbiamo riorientato il posizionamento in modo da non esporre praticamente nulla. Alcuni espositori pensano che i nomi "heritage" o "tradition" possano svalutare le loro barche e preferiscono esporre altrove alla fiera.

Cosa c'è di nuovo per il 2018?

Abbiamo lavorato principalmente alla riorganizzazione dello spazio espositivo.

Così, invece di una grande sala che combina servizi, turismo e noleggio, ci sono due sale separate con due offerte diverse. Il primo combinerà affitto e turismo e il secondo finanziamento. In questo modo si libera più spazio a terra e all'aperto per i saloni nautici e si migliorano le condizioni di lavoro dei professionisti .

La navata centrale sarà riallestita per creare isole e facilitare l'esposizione di imbarcazioni provenienti da grandi cantieri navali, presenti a galla e a terra. In alcuni blocchi ci saranno anche corsie per i cantieri più piccoli. Restano solo due passaggi, uno al bordo del molo e l'altro nella navata centrale.

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...