Gunboat, una fabbrica francese per catamarani examericani

Il Gunboat 68 sarà costruito a La Grande Motte

Acquistate dal French Grand Large Yachting nel 2016, le imbarcazioni da crociera saranno prodotte a La Grande Motte. Obiettivo di mutualizzazione e affidabilità, all'interno della nuova divisione multiscafi del gruppo, già proprietario di Outremer e Ocean Voyager.

Una nuova fabbrica di 3000 m²

Il gruppo Grand Large Yachting apre una nuova fabbrica di 3000 m² nel porto di La Grande Motte. Situato a 100 metri dallo stabilimento di produzione all'estero, ospiterà la produzione dei catamarani Gunboat, recentemente acquistati dal gruppo francese. I vecchi edifici del sito saranno distrutti per far posto, nella primavera del 2017, a una nuova fabbrica, appositamente progettata per le attività di costruzione navale in materiali compositi. "Questo primo investimento, dell'ordine di 2 milioni di euro, continua con gli strumenti per il nuovo Gunboat 68", spiega Benoît Lebizay, CEO di Gunboat.

Mentre la produzione di Gunboats si è spostata più volte nella sua storia, dal Sudafrica alla Cina e poi agli Stati Uniti, la scelta del cantiere dei catamarani ha richiesto un po' di riflessione per il gruppo Grand Large Yachting. Poiché l'impianto della Carolina del Nord non rientra nell'ambito dell'acquisizione, la scelta della Francia è stata in linea con la logica industriale del gruppo, fornendo al contempo ai clienti un know-how francese riconosciuto nel settore dei multiscafi di alta gamma.

Creazione della divisione multiscafo

Con le fabbriche Gunboat e Outremer a poche centinaia di metri di distanza, il gruppo Grand Large Yachting compie un nuovo passo verso la creazione della divisione multiscafi di La Grande Motte. Come per le imbarcazioni in alluminio del gruppo con i marchi Allures, Garcia e Alumarine, sarà possibile mettere in comune le risorse e condividere il know-how tra Gunboat, Outremer e Ocean Voyager, la filiale di noleggio a giornata.

Le funzioni di supporto agli acquisti, amministrazione e ufficio progettazione saranno le prime a trarre vantaggio dalla fusione. Seguiranno funzioni di produzione trasversali, come la meccanica navale o le reti. Ogni marchio manterrà le sue caratteristiche specifiche, legate ai diversi materiali e livelli di finitura.

Un aumento controllato della potenza

Il fallimento di Gunboat, il cui fatturato è stato di 20 milioni di euro, ha dimostrato la difficoltà di consegnare imbarcazioni non standard come questi catamarani, pur restando redditizie. Il gruppo Grand Large Yachting desidera quindi tenere sotto controllo lo sviluppo del cantiere, limitandosi inizialmente a 2 imbarcazioni all'anno per garantire la qualità del prodotto. "L'impegno contrattuale nei confronti dei nuovi clienti è quello di consegnare le barche in tempo, in budget e in peso, cosa che non è mai stata fatta nella storia di Gunboat", spiega Benoît Lebizay. L'obiettivo è quello di fare la scelta industriale giusta al momento giusto. 2 Le cannoniere rappresentano già l'equivalente del fatturato all'estero.

20 assunzioni dal 2017

Il nuovo stabilimento è anche una buona notizia per l'occupazione locale della nautica da diporto. Gunboat prevede di assumere circa 20 dipendenti nel 2017 e lo stesso numero nel 2018, raggiungendo alla fine 50-60 dipendenti. "Tra assunzione e investimento, la divisione multiscafi è un forte impegno per la nautica nella regione" ricorda Benoît Lebizay.

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...