Uscire dalla crisi: in che modo il Finistère sta aiutando il suo settore nautico?

Marina di Concarneau

Come settore importante per il dipartimento del Finistère, l'industria nautica ha sofferto, come ovunque, delle conseguenze della crisi sanitaria legata alla Covid19. Michaël Quernez, Presidente di Finistère360 , spiega le misure adottate dall'agenzia per sostenere le aziende del settore.

Un'unità di crisi dipartimentale

Le principali conseguenze della crisi economica legata alla pandemia di Covid19 sull'industria del turismo sono state rapidamente evidenziate a livello nazionale. Il turismo e la sua dimensione nautica hanno un ruolo importante nel Finistère. Il Comune e l'agenzia del Finistère360 , responsabile del settore, hanno quindi istituito un'unità di crisi già nel periodo di contenimento. "Abbiamo riunito i servizi dello Stato, responsabili dei protocolli sanitari, e i vari attori del settore turistico, in particolare i centri nautici. Questo ha già permesso di intraprendere azioni per il deconfinamento, come ad esempio la riapertura delle spiagge con la promozione di spiagge dinamiche o con porticcioli turistici in modo che l'accesso coincida con la libertà di navigazione" spiega Michaël Quernez, presidente di Finistère 360.

Préparation des bateaux au club de voile de Crozon
Preparazione della barca al Crozon Sailing Club

Oltre 100.000 euro per aiutare gli impianti di sport acquatici

Ma l'accompagnamento doveva andare oltre il deconfinamento. La comunità ha quindi liberato risorse per aiutare i centri nautici a lungo termine. "I centri nautici sono stati molto colpiti dalla crisi. Sono aperti tutto l'anno per gruppi o classi. L'equilibrio economico non dipende solo dall'alta stagione, che fortunatamente sembra andare bene. C'è un'aspettativa di aria fresca e di pratica sportiva e per questo motivo i centri nautici spuntano tutte le caselle. Ma bisogna pensare alle ali della stagione e all'inizio del nuovo anno scolastico. Il dipartimento si occupa della solidarietà e in particolare della protezione dei bambini e dei minori, dell'handicap... Abbiamo quindi liberato più di 100.000 euro per creare un legame tra questi gruppi e i centri nautici attraverso l'acquisto di servizi entro il giorno o più a lungo. Stiamo già pensando anche all'Ognissanti o alle vacanze di Natale", spiega il rappresentante eletto.

Michaël Quernez, président de Finistère 360
Michaël Quernez, Presidente di Finistère 360

Accelerazione della comunicazione dematerializzata

Il resto delle azioni riguarda la comunicazione generale sull'offerta turistica. I programmi sono stati accelerati. Sono state inviate mappe sensibili, illustrate, per evidenziare i bacini di navigazione del Finistère. Il regime del Passo del Finistère, previsto per il futuro, è stato anticipato al 10 luglio 2020. Questo sito web presenta le offerte turistiche del dipartimento, sostituendo i display fisici che sono stati rimossi a causa di vincoli sanitari. Lascia un ampio spazio ai fornitori di servizi nautici e alle società di noleggio barche.

Altri articoli sui canali :