Appello al rilancio della nautica da diporto a propulsione elettrica

L'AFBE vuole approfittare del recupero per elettrificare lo yachting

L'Association Franšaise du Bateau Electrique ha pubblicato una serie di proposte per approfittare della ripresa economica seguita alla crisi di Covid19 per promuovere la transizione dalla navigazione da diporto alla propulsione elettrica. Il suo presidente, Xavier de Montgros, ci parla delle azioni che l'organizzazione intende intraprendere.

Cogliere l'opportunitÓ di sviluppare la propulsione elettrica

L'Association Franšaise pour le Bateau Electrique (AFBE), che riunisce cantieri navali, produttori di attrezzature e servizi del settore elettrico marittimo, ha presentato un piano per rilanciare il settore. Intende approfittare della fine della crisi causata dalla pandemia di Covid19 e delle sue conseguenze economiche per promuovere il suo modo di propulsione e accelerare la transizione. Una serie di proposte per i settori della nautica da diporto e della marina professionale Ŕ stata inviata ai parlamentari e ai ministeri interessati:

  • Facilitare l'acquisizione di imbarcazioni elettriche e ibride plug-in da parte di aziende del settore
    • Estendere il supplemento per gli operatori della mobilitÓ marittima e fluviale a tutte le navi e imbarcazioni elettriche e ibride plug-in.
    • Esenzione dall'IVA per i servizi di ricarica elettrica.
  • Facilitare il passaggio dei diportisti alla mobilitÓ pulita
    • Rafforzare il piano dell'1% dei posti portuali riservati alle imbarcazioni elettriche nell'arco di 2 anni, integrandolo con la richiesta di creare il 5% dei posti portuali riservati alle imbarcazioni elettriche entro i prossimi cinque anni.
    • Introdurre un bonus per KW installato per incoraggiare i diportisti a migrare verso sistemi di propulsione non inquinanti compensando parte del costo aggiuntivo.
  • Promozione degli spazi a emissioni zero
    • Stabilire aree di trasporto marittimo a emissioni zero all'interno delle aree urbane, delle zone di protezione della biodiversitÓ e dei parchi nazionali.
  • Sostenere gli enti locali e regionali
    • Incoraggiare l'impiego di imbarcazioni e navi elettriche o ibride plug-in su flotte pubbliche o su flotte gestite in regime di delega di servizio pubblico.

Chargeur de bateaux ├ęlectrique Vita Chargers ├á Monaco
Caricabatterie elettrico da barca Vita Chargers a Monaco

Non perdere il treno elettrico

Nelle ultime settimane non sono mancati i dibattiti per ricordare la necessitÓ di tenere conto delle questioni ecologiche nella ripresa economica. Lo yachting non fa eccezione alla regola. Se lo yachting termico e i principali costruttori rappresentati dalle principali organizzazioni presentano le loro proposte generali, la voce dell'AFBE fornisce questo utile complemento per uno sviluppo cruciale per il futuro del settore.

"Sarebbe un peccato perdere il treno elettrico quando lo yachting francese Ŕ leader mondiale. Ecco perchÚ facciamo queste proposte. Avevamo ottenuto l'1% degli ormeggi in porto per le barche elettriche, ora spingiamo per il 5%. Senza vietare la navigazione termica ovunque, possiamo pensare di riservare gli ultimi 300 metri in alcune aree protette o vicino a case per barche elettriche, un po' come si fa nei centri urbani per le auto" illustra Xavier de Montgros, presidente dell'AFBE.