Lignia Yacht, un'alternativa al teak che ha vinto il DAME Award

Lignia Yacht, un rivestimento di coperta in pino di Monterey, un'alternativa al teak

La società britannica Lignia Wood Company ha vinto un premio per la sua copertura alternativa in teak. Lignia Yacht è un legno naturale modificato per ottenere un materiale presentato come più durevole.

Una copertura in pino di pino di Monterey

La società inglese Lignia Wood, specializzata nella commercializzazione del legno, ha sviluppato un rivestimento alternativo al teak. L'azienda utilizza tavole di pino di Monterey di 22 anni. Dopo l'essiccazione, vengono trattati con una resina e poi riscaldati per fissarla. Dopo la lavorazione del legno tenero, il produttore dichiara prestazioni equivalenti a quelle del legno duro come il teak birmano. La densità finale del Lignia Yacht è di 650 kg/m3.

Durata e facilità di implementazione

Lignia Wood presenta il suo prodotto come alternativa sostenibile al teak birmano, coinvolto nella deforestazione. I pini di Monterey utilizzati provengono da foreste che hanno ricevuto il marchio FSC per la loro gestione sostenibile. Tuttavia, non vengono forniti dettagli sulle resine, il cui aspetto ecologico non viene evidenziato...

Il Lignia Yacht ha una durata di Classe 1, con una resistenza minima di 50 anni agli effetti di funghi e muffe. In Florida sono stati effettuati numerosi test e confronti sul comportamento termico. La sua capacità di formatura è superiore a quella del teak birmano secondo il produttore, consentendo curve più varie.

Le lamelle Lignia Yacht sono disponibili in spessori da 19 a 50 mm, con larghezze da 52 a 150 mm e lunghezze da 1,80 a 4,80 m.

Riconoscimento nella nautica da diporto

Varata nel 2018, la gamma Lignia Yacht ha accumulato trofei. Già vincitore all'IBEX, la copertura del ponte è stata premiata con il DAME Award 2019 nella categoria "Attrezzature e cantieri, materiali". Lo specialista delle barche in legno Spirit Yacht lo ha scelto per il ponte dello Spirit 50 CR.

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...