Intervista / Settore marittimo: il Crédit Agricole vuole la leadership in Bretagna

Arnaud Gourret, direttore del settore marittimo della Bretagna del Crédit Agricole

Arnaud Gourret, il nuovo direttore del Crédit Agricole Sea Sector in Bretagna, spiega il funzionamento e le ambizioni della struttura bancaria nell'economia nautica, navale e marittima.

Alla fine del 2019, il Crédit Agricole ha lanciato il settore del Mare di Bretagna. Il suo direttore, Arnaud Gourret, spiega il suo background e le ambizioni della struttura.

Quale approccio ha portato alla creazione del settore del Mare di Bretagna? E quale percorso ti ha portato alla sua testa?

L'obiettivo è quello di legittimare il nostro ruolo di attore economico nel settore marittimo. Nel 2015, l'amministratore delegato del Crédit Agricole du Finistère ha osservato che, pur essendo il primo dipartimento costiero con 1200 km di costa, non eravamo sufficientemente concentrati sul mare. Questo ha dato vita, in collaborazione con i nostri clienti professionali, al settore marittimo del Finistère. In considerazione della loro crescente importanza nel dipartimento, il 1° gennaio 2019 è stato creato un dipartimento per il mare e il turismo. Questo è un motore di crescita per il Crédit Agricole. Oggi, abbiamo 5 anni di ritirata sul mare. Il sistema Filière Mer esisteva in stato embrionale anche nelle altre casse della Bretagna. Si è pertanto deciso di cooperare a livello regionale.

Da parte mia, ho avuto un ruolo nell'"impegno territoriale" con la creazione del Villaggio da parte di CA, poi la creazione dello SCIC Finistère Mer Vent a Port-La-Forêt per lo sviluppo dell'economia marittima. Così ho già avuto un legame con il mare, ma soprattutto attraverso le regate oceaniche. Questo mi permette di scoprire altri campi come la nautica o la pesca, con una prospettiva più da investitore che da banchiere.

Inaugurazione dell'edificio Finistère Mer Vent

Quali sono gli obiettivi del settore marittimo?

L'obiettivo è quello di diventare un partner di riferimento. Abbiamo circa 1000 professionisti in Bretagna. L'obiettivo è prendere il comando. Per fare questo, entriamo in contatto perché crediamo nella vicinanza umana. Vogliamo un approccio differenziato, che renda visibili i clienti, che crei tra loro collegamenti per il collegamento in rete del settore marittimo. Di tanto in tanto ho messo in contatto tra di loro acquirenti e venditori.

Come si attuano concretamente queste politiche a livello bretone del Crédit Agricole?

Il settore del Mare di Bretagna è un coordinamento con una governance flessibile. E' organizzato intorno a 4 pietre da pavimentazione:

  • l'aspetto della comunicazione e del partenariato, attraverso un unico sito web comune, eventi locali o la partecipazione al cluster del cluster della Bretagna atlantica. Un evento comune a tutta la Bretagna dovrebbe svolgersi nel 2020.
  • lo sviluppo delle competenze e la formazione dei nostri consulenti, ad esempio nei settori navale, biotecnologia, pesca e nautica. Si rivolgono ai nostri 40 riferimenti marittimi in Bretagna.
  • lavoriamo sull'offerta, come il leasing di yacht o l'assicurazione, per la quale vorremmo ottenere il marchio "Made in Brittany". Le controgaranzie tra i bacini assicurano la condivisione del rischio per rispondere a progetti con investimenti importanti come le regate offshore o i centri nautici.
  • Condivisione degli strumenti di gestione. Le griglie di lettura condivise consentono di risparmiare tempo nell'elaborazione dei file.

Nel mercato della nautica, che ruolo può svolgere il settore del Mare di Bretagna?

Vogliamo aumentare la nostra quota di mercato in questo settore. Dal lato dei costruttori, dobbiamo anticipare le crisi e non dimenticare le piccole pepite, trovando un modello vincente per i piccoli progetti. C'è la tecnica, ma bisogna sapere come venderli. Abbiamo un ruolo di influenzatori. Essi devono essere sostenuti da funzioni di sostegno come l'attività Finistère Mer Vent e la cooperativa per l'occupazione.

C'è anche un ruolo da svolgere nel finanziamento delle imbarcazioni usate e nelle aree in via di sviluppo come i club nautici, gli habitat galleggianti o i servizi di portineria.

La nostra curva di esperienza sta progredendo, ma siamo ancora molto umili ad ancorarci nel settore e co-costruire come consulenti piuttosto che come banchieri tradizionali.

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...