Porto di Sete: il porto turistico accoglie i suoi primi superyacht

Prima stagione estiva per i porti IGY Marinas a Sète

La ricezione di yacht e superyacht è iniziata in Sète . Annunciato da tempo, è una realtà dall'inizio di luglio 2019. IGY Marinas, site manager, è uno specialista nella nautica di lusso, con un porto turistico a Porto Cervo, in Sardegna, e più di una dozzina in Nord America e nei Caraibi. Accoglie con favore l'apertura. "L l porto è operativo da luglio e abbiamo già accolto le prime barche. "dice Delphine Gayraud, responsabile comunicazione e marketing dell'IGY Sète.

Ricezione del 1° yacht di IGY Sète

Club House in costruzione per equipaggi e visitatori

Sebbene la ricezione delle navi sia iniziata, il porto turistico IGY di Sète non è stato completato. Ormeggi lungo la banchina, le barche fino a 180 metri possono fare scalo. È disponibile una potenza da terra fino a 2000 ampere. Per la comodità degli equipaggi, una club house uscirà da terra. " Abbiamo finalmente il permesso di costruzione e i lavori dovrebbero iniziare a settembre per una consegna prevista per la fine del 2019. Dotata di una terrazza, una palestra e un salone, la club house fornirà la migliore sistemazione possibile per gli equipaggi. "conferma Delphine Gayraud.

Bacino Orsetti: una posizione molto adatta

Di fronte all'opposizione di una parte della popolazione, il superyacht marina di Sète, inizialmente previsto per la banchina di Algeri, nel cuore della città, si stabilì infine nel bacino di Orsetti, all'interno del porto commerciale. Questo cambiamento è positivo per Delphine Gayraud. " Abbiamo un sito più privato, con più spazio sul molo, che rende possibile l'installazione di container, ad esempio, e che offre maggiore sicurezza, con il nostro e il porto commerciale. E la vista della città è più bella! "

Progetto iniziale sulla banchina di Algeri

Reclutamento e sviluppo

IGY impiega attualmente 2 persone a Sète: 1 manager e 1 responsabile della comunicazione e del marketing. Le assunzioni sono in corso. " In particolare, abbiamo bisogno di un molo principale "spiega Delphine Gayraud.

Mentre il porto ha accolto le barche quest'estate, intende posizionarsi anche per il resto dell'anno. " Non c'è la possibilità di uscite d'acqua, ma ci rivolgiamo anche alle imbarcazioni invernali, che hanno la possibilità di fare piccoli lavori a galla. "conferma Delphine Gayraud.

Altri articoli sui canali :

Réagir à cet article :
Ajouter un commentaire...