Kairos: Combinare regate offshore, sport acquatici e ambiente

Gwalaz, il trimarano di lino sviluppato da Kairos e Tricat per Lost in the Swell

Per diversi anni, l'attività di Roland Jourdain è andata oltre le regate d'altura. Fondo di dotazione Esplora, biomateriali, vivaio nautico, educazione ambientale... Abbiamo colto l'occasione di un incontro con Sophie Vercelletto, partner di Roland Jourdain, per avere un quadro più chiaro.

Nascita di Kairos

Kairos è stata fondata nel 2006 per sostenere i progetti di Roland Jourdain nel campo delle regate d'altura. Per facilitare l'operazione con il suo sponsor Veolia Environnement, ha creato l'azienda che ha venduto il progetto sportivo al suo finanziatore. Ma già, il marinaio sta pensando oltre. " Nell'oggetto sociale di Kairos, c'erano fin dall'inizio 4 obiettivi: la regata oceanica, l'ambiente, la pedagogia e la trasmissione. E oggi, stiamo lavorando su tutte e 4 le aree. "dice Sophie Vercelletto, partner di Roland Jourdain, che l'ha raggiunta come partner nel 2009. " C'era anche la volontà di diversificare per evitare il singolo cliente. "


Il team di Explore Fund

Ricerca sui biomateriali

I materiali sono al centro dell'evoluzione delle regate oceaniche. Il team di Roland Jourdain ha subito iniziato a pensare alle fibre utilizzate nelle imbarcazioni, compresa la possibilità di utilizzare fibre naturali. " Al momento dell'improvvisa fine del partenariato con Veolia, abbiamo ricevuto indennità di licenziamento. Avremmo potuto fermare tutto e cacciato il team, ma abbiamo preferito investire nell'ufficio progettazione e nei biomateriali "spiega Sophie Vercelletto.

Kairos ha così potuto lavorare sulle fibre vegetali con l'Università della Bretagna del Sud e dell'Ifremer. L'arrivo al momento giusto (il Kairos in greco!) dei surfisti di Lost In The Swell, alla ricerca di una barca in fibra di lino, ha dato vita al Gwalaz, un trimarano costruito in collaborazione con Tricat. Il progetto ha permesso di effettuare test di grandezza naturale e uno studio sull'invecchiamento dopo 2 anni di spedizione.


Progetti sviluppati da Kairos in biocompositi, presentati al JEC World

Oggi Kairos lancia il primo prodotto commerciale Kairlin, pannelli di lino principalmente per la pubblicità nei punti vendita. L'ufficio progettazione vende servizi per lo studio della sostituzione di materiali tradizionali con fibre naturali e partecipa in particolare al progetto europeo di ricerca su un foiler in fibra naturale Flower.

Vivaio nautico e centro esploratori

Creato nel 2013, il fondo di dotazione Explore sostiene progetti di esplorazione. Finanziato dalla società commerciale Kairos e da vari mecenati, fornisce supporto pratico, legale e di comunicazione. Accolti gratuitamente, gli esploratori selezionati approfittano dei laboratori di Kairos e dei locali in cui allestire il loro progetto. Tra i progetti ospitati possiamo citare Nomades des Mer per la promozione di soluzioni a bassa tecnologia ed efficienza energetica, Under The Pole o Plastic Odyssey per la salvaguardia dell'ambiente e la gestione dei rifiuti in plastica.


Laboratorio di Kairos a Concarneau

Questo luogo di collaborazione e l'emulazione ambientale ovviamente interessava anche al di là degli esploratori. Per accogliere aziende innovative, Kairos ha creato un proprio incubatore d'impresa. Possiamo citare, tra gli altri, coloro che sono stati accolti nell'industria nautica Ino-Rope o Epoh e che ora volano da soli o con l'AIM45 in fase di sviluppo.

Le esplorazioni raggiungono il grande pubblico, ma per andare oltre, Kairos è interessato anche alle scuole. Un accordo con il Rettorato di Rennes permette di formare gli insegnanti e di creare strumenti educativi per sensibilizzare i giovani alle tematiche ambientali.

Alla domanda se è troppo tardi per salvare il pianeta, Emmanuel Poisson-Quinton, responsabile dello sviluppo di Explore, risponde:" Si', ma non siamo adolescenti. Non si può dire che è troppo tardi, peccato che non stiamo facendo niente! "Il pannello dei progetti Explore e Kairos ne è una buona illustrazione.

Altri articoli sui canali :