Intervista / Vita SuperPower: "Vogliamo ampliare le nostre stazioni di ricarica per barche elettriche"

Stazione di ricarica per barche elettriche Vita SuperPower a Cannes

Dopo l'apertura di 2 stazioni di ricarica per barche elettriche nel Mediterraneo, la start-up britannica Vita Power spiega le sue ambizioni e il suo posizionamento nello sviluppo di propulsori alternativi nel settore della nautica da diporto.

Dalla barca elettrica alle stazioni di ricarica

Vita Power nasce da un progetto di imbarcazioni elettriche di alto livello. Fondata nel 2017, ha iniziato con lo sviluppo di Vita IX, un runabout di 9 metri con motore elettrico, ispirato alla tradizione dei battelli da lago del nord Italia. Commercializzato con il marchio Vita Yachts, dovrebbe essere seguito dal Vita X, un'unitÓ di 10 metri. Il progetto ha portato l'azienda a proporre la propria ingegneria elettrica ad altri cantieri navali per poi prendere in considerazione sistemi di ricarica per imbarcazioni da diporto. Il suo direttore marketing, Jessica Touschek, Ŕ stata cosý gentile da rispondere alle nostre domande sulle ambizioni di questo nuovo progetto e sulle attivitÓ dell'azienda.

Qual Ŕ l'organizzazione di Vita e quante persone vi lavorano?

La nostra attivitÓ Ŕ iniziata come Vita Yachts nel 2017, con il primo obiettivo di produrre la prima barca elettrica premium ispirata al design classico. Da allora, l'azienda ha sviluppato altri due rami: Vita Power, che offre la nostra unica soluzione di propulsione ad altri cantieri navali interessati a costruzioni o trasformazioni elettriche pulite, e Vita SuperPower per le stazioni di ricarica. Le 3 filiali sono gestite dal nostro team principale con sede sul Lago Maggiore in Italia, ma abbiamo anche un team tecnico che lavora dal nostro ufficio nel Regno Unito.

Vita Yacht

Quante stazioni di ricarica per barche elettriche Vita SuperPower sono attualmente in servizio?

Ce n'Ŕ uno presso lo Yacht Club di Monaco, composto da 2 stazioni di ricarica per una potenza totale di 100 kWh. Dovrebbero essere rapidamente sostituiti dal nostro caricabatterie di seconda generazione che fornisce una potenza di 150 kWh da una singola unitÓ. Un secondo hub di ricarica Ŕ in funzione nel Porto Antico di Cannes.

Qual Ŕ la strategia di sviluppo di questa rete Vita SuperPower? A quali clienti si rivolge: porti turistici o individui con i propri moli?

Altre stazioni di ricarica saranno aperte in Costa Azzurra nei prossimi mesi, prima di uno sviluppo globale per rivoluzionare l'industria della nautica elettrica. Il nostro obiettivo Ŕ quello di permettere alle pi¨ belle coste del mondo di stabilire una tradizione duratura di navigazione a emissioni zero. Attualmente ci stiamo concentrando sui porti turistici chiave, ma la nostra tecnologia Ŕ flessibile. Alla fine, vogliamo incoraggiare l'uso di barche elettriche ogniqualvolta possibile e se i nostri spedizionieri possono contribuire a convincere i proprietari privati a fare il passaggio dal gasolio, questo Ŕ un bene.

Vita Dissuasore SuperPower a Monaco

Dove sono progettati e prodotti gli impianti? Lavorate con produttori di motori elettrici o batterie specifiche?

L'attrezzatura per i nostri caricabatterie di prima generazione Ŕ stata acquistata esternamente, ma la prossima generazione, che sarÓ lanciata nei prossimi mesi, Ŕ stata progettata e prodotta accanto alla sede centrale di Vita nel nord Italia. Dalla progettazione all'inaugurazione, i primi chioschi Moncao hanno richiesto 6 mesi. Per i motori delle nostre barche lavoriamo con il produttore UQM e per le batterie con l'austriaca Kreisel.

Altri articoli sui canali :

RÚagir Ó cet article :
Ajouter un commentaire...