Intervista / Erplast: regate Optimist come vetrina per le scuole di vela

Optimist Erplast durante il Campionato Europeo a Crozon Morgat © Erplast

Jean-Christian Michel, direttore del cantiere navale leggero Erplast, ha incontrato Jean-Christian Michel durante i Campionati Europei Optimist, spiegando le ragioni della sua presenza e fornendo un aggiornamento sull'attività del marchio francese.

BoatIndustria ha approfittato dei Campionati Europei Optimist di Crozon-Morgat per intervistare Jean-Christian Michel, manager di Erplast. Ci fornisce elementi della strategia del costruttore di gommoni e catamarani.

Quali sono le ragioni della sua presenza ai Campionati Europei Optimist di Crozon Morgat?

Siamo venuti come co-charter con Nautivela. Su 294 corridori, sono stati noleggiati 50 Optimist per i paesi che venivano senza barche. Erplast costruisce ottimizzatori dal 1983 e regate Oprimist dal 1998. Dal 1995 il calibro IODA, ci sono stati 150 punti di controllo con tolleranze da 2 a 4 mm e un piano di drappeggio imposto. E' draconiano. Per noi, essere ai Campionati Europei è chiaramente una notorietà. La regata rappresenta solo il 3% del fatturato, ma dà visibilità internazionale, con allenatori di fama internazionale. Mostriamo una forte qualità di Erplast: servizio e reattività, per poi vendere l'intera gamma della nostra gamma che è piuttosto tipica della scuola di vela.

Qual è il livello di produzione annuale di Erplast?

Il nostro core business è il polietilene. Il primo Optimist stampato in rotazionale è stato prodotto nel 1983. I primi catamarani anche nel 1983. Lo facciamo evolvere di anno in anno con innovazioni tecniche. In totale, facciamo da 600 a 700 barche all'anno, Optimist e catamarani. La regata rappresenta un centinaio di barche all'anno.

Chi sono i clienti di Erplast?

Equipaggiamo molte scuole di vela in Francia. Negli ultimi due anni abbiamo avuto una forte volontà commerciale di esportare all'estero.

Quali sono le chiavi del successo dell'esportazione?

Aiuto regionale. Le regioni della Bretagna e della Nuova Aquitania in cui ci troviamo, con produzione a Lorient e sede centrale a Lot et Garonne, ci sostengono. Si tratta di un sostegno finanziario e anche di persone abituate a recarsi in altri paesi, attraverso le camere di commercio e industria.

E poi, abbiamo anche una gamma molto completa e ottimizzata di barche in cui abbiamo piena fiducia, che non ci vergogniamo di mostrare altrove. C'è Optilene, il nostro ottimizzatore in polietilene con il quale abbiamo sostituito molte barche in alluminio nelle scuole di vela, che sono alla ricerca di barche permanenti e sempre operative. Con il rilascio del M 4 anni fa, abbiamo una gamma completa di catamarani da 10,5 a 16 piedi, che sta diventando sempre più popolare.

Quante persone lavorano per Erplast? Chi costruisce gli scafi?

Erplast impiega 8 persone. Siamo proprietari dei nostri utensili e gli scafi sono realizzati da subappaltatori: Rotomod, che fa dei kayak e di Sebico il proprietario del marchio Fun Yak.

Altri articoli sui canali :