Capt'n Boat vuole aiutare gli skipper professionisti a rientrare a bordo

CataVoile 29 - Morgat

La piattaforma di matchmaking Capt'n Boat supporterà i diportisti professionisti a tornare in acqua dopo il deconfinamento. Trasportatori, consegne di barche nuove... Laurentine Simonet ci spiega l'operazione che l'azienda sta per lanciare per dare impulso alla ripresa.

Una piattaforma dedicata agli skipper professionisti

La piattaforma Internet Capt'n Boat è nata nel dicembre 2019. Mette in contatto i diportisti e gli skipper professionisti con i clienti che cercano l'equipaggio. Lo skipper crea un profilo che raccoglie le sue informazioni personali, le sue esperienze e i suoi diplomi. I proprietari di imbarcazioni, siano essi professionisti o diportisti privati, possono anche pubblicare annunci specificando la missione proposta, i porti di partenza e di destinazione, nonché l'orario. Un algoritmo suggerisce loro dei profili. "Ora abbiamo circa 550 skipper nel database. Abbiamo approfittato del calo di attività di contenimento dovuto a Covid-19 per migliorare ulteriormente l'efficienza dell'algoritmo. I nostri clienti sono, ad esempio, società di noleggio barche che desiderano spostare la loro flotta in base alla stagione, o professionisti per il convoglio da cantiere a cantiere. Ci sono anche privati che cercano un coaching, anche se attualmente insistiamo sullo sviluppo della clientela professionale" precisa Laurentine Simonet, responsabile della comunicazione dell'azienda.

Sostenere la ripresa della navigazione commerciale a seguito del contenimento

Come l'economia nel suo complesso, i diportisti sono stati duramente colpiti dalle conseguenze del contenimento imposto e dalla cessazione della navigazione. "C'è stato un calo di attività con il traffico sul sito dimezzato, che può essere naturalmente spiegato con la chiusura dei porti e il divieto di navigazione per i professionisti e i privati, ma dalla fine di aprile sono stati pubblicati annunci. Sembra che la gente stia preparando l'uscita dal contenimento. Questa è una buona notizia", si rallegra Laurentine Simonet.

La giovane azienda, pur avendo subito il rallentamento delle spedizioni, intende recuperare lo slancio acquisito nei primi mesi del 2020 con le operazioni commerciali. "Aboliremo le spese di servizio fino a giugno. La commissione sarà ridotta dal 18% al 10%, che copre i costi bancari e assicurativi", spiega il responsabile della comunicazione.

Altri articoli sui canali :