Biocomposito: IDB-Marine li testa sul Virgin Mojito su larga scala

La barca a vela Virgin Mojito della IDB Marine Ŕ fatta di lino, sughero e schiuma PET

Virgin Mojito, l'ultima barca a vela consegnata da IDB Marine, utilizza biocompositi: fibra di lino, sughero... Denis Bourbigot, direttore del cantiere, spiega l'interesse di questo cocktail di successo sia per l'ambiente che per la salute dei dipendenti.

Dal progetto di studio alla costruzione di una barca a vela ecologica

La nascita del Virgin Mojito, la barca a vela del nuovo cantiere navale IDB Marine, Ŕ il risultato di incontri e di una combinazione di circostanze. Irvin Kersuzan, studente in costruzione navale, ha contattato il cantiere navale finisteriano per presentare un progetto di studio sui biocompositi. Si Ŕ poi deciso di realizzare alcune parti di una barca a vela con questi materiali di origine naturale. Ma quando la discussione Ŕ stata aperta con il futuro proprietario della barca, si Ŕ scoperto che aveva incontrato poco prima Roland Jourdain, lo skipper-fondatore di Ka´ros, un pioniere dei biocompositi nella nautica da diporto. Ha poi proposto di costruire la barca interamente da biocompositi. La decisione Ŕ stata accettata. "E' il tipo di combinazione di circostanze che bisogna saper cogliere", entusiasma Denis Bourbigot, capo della IDB Marine.

Dentro la Vergine Mojito

Ridurre al minimo l'impronta di carbonio dell'imbarcazione

La scelta dei materiali utilizzati Ŕ stata guidata dal desiderio di limitare l'impronta di carbonio della costruzione dell'imbarcazione. Il nuovo campionamento Ŕ stato convalidato con la societÓ Ka´ros. La fibra di vetro Ŕ stata interamente sostituita dalla fibra di lino nella coperta, nello scafo e nella struttura, tranne nelle zone soggette a strappi, come il rinforzo della chiglia o le piastre di catena dell'albero. Le anime dei panini in feltro sono state sostituite dal sughero, mentre la schiuma di PVC Ŕ stata sostituita dal PET riciclato. ╚ stata utilizzata una resina tradizionale. "Conosciamo e controlliamo bene il suo comportamento. Le resine biosourcing sono biosourcing solo al 30%. ╚ ancora un po' presto per farne valere la pena. Ci˛ che ci interessa Ŕ il bilancio globale del carbonio. Sappiamo che il lino e il sughero sono prodotti in Francia e in Europa e che la produzione di fibra di vetro richiede un'energia 10 volte superiore a quella del lino. Per quanto riguarda la schiuma, il PVC Ŕ molto pi¨ dannoso nella produzione rispetto al PET", spiega Denis Bourbigot.

Drappeggio dello scafo di lino della Vergine Mojito

Fibre naturali pi¨ piacevoli per gli operatori

L'interesse dell'ambiente Ŕ anche quello dei dipendenti del cantiere navale IDB Marine. La buona sorpresa per i team dei costruttori di yacht Ŕ il guadagno in termini di comfort di lavoro. "Il materiale funziona bene ed Ŕ davvero diverso quando si tratta di polvere. Le fibre sono naturali e quando si macinano non sono allergeniche", osserva Denis Bourbigot.

Differenze di prezzo e di peso molto accettabili

Se l'aspetto ecologico non Ŕ in dubbio, deve essere tecnicamente ed economicamente sopportabile per il diportista. Il Virgin Mojito pesa 150 kg in pi¨ del suo cugino in vetroresina, una differenza del 6% per una barca che pesa 2,6 tonnellate. La differenza di prezzo Ŕ di 3.000 euro rispetto allo yacht standard al prezzo di listino di 104.000 euro, pari a circa il 3%. Ora disponibile come opzione, la costruzione biocomposita del Virgin Mojito apre una porta interessante per lo sviluppo di una nautica pi¨ responsabile.

Altri articoli sui canali :