Diesel fuoribordo: un giusto equilibrio economico ed ecologico?

Neander Shark ha presentato a La Rochelle il suo nuovo motore fuoribordo diesel da 50 CV, il DTorque 111 Servitude portuaire, lanci passeggeri e grandi yacht, il costruttore tedesco di motori si rivolge a mercati di nicchia con argomenti tecnici ed economici.

Fuoribordo diesel Neander Shark: piccola potenza e grande coppia

Lo sviluppo tecnico dei motori fuoribordo diesel ha una lunga storia. I suoi punti vendita concreti e commerciali sono pochi e lontani tra loro. Mentre due marchi britannici e scandinavi stanno sviluppando motori ad alta potenza, il produttore tedesco di motori Neander Shark ha optato per fuoribordo più modesti. Il suo distributore mondiale, Yanmar, ha presentato il modello DTorque 111 al salone nautico di La Rochelle. Il nome riassume la differenza con un motore a benzina tradizionale. Il produttore mostra la coppia massima del fuoribordo, 111 N.m, e non la sua potenza di 50 CV. Per una coppia paragonabile, un fuoribordo a benzina convenzionale a 4 tempi mostra il doppio della potenza.

Il Dtorque 111 è un blocco bicilindrico di 800 cm3, dotato di un sistema brevettato che collega 2 bielle e 2 alberi a gomito indipendenti ad ogni pistone. Questa architettura permette di trasmettere una coppia elevata e di ridurre le vibrazioni, grazie ad un dispositivo controrotante.

Vantaggi economici e tecnici per l'ambiente dello yachting professionale

Neander Shark si rivolge ad un mercato di nicchia con il suo motore fuoribordo diesel. La coppia elevata e la trazione della bitta da 402 N attirerà l'attenzione del gestore del porto turistico per le sue capacità di traino e spinta e per l'assistenza alle manovre. L'uso del diesel evita la necessità di trasportare benzina e il suo stoccaggio, che è un requisito normativo a bordo delle grandi imbarcazioni da diporto. I bassi consumi (11 L/h a pieno regime e 4 L/h a 1200 giri/min), così come gli intervalli di manutenzione di sole 250 ore, limitano i costi di esercizio. "Diventa interessante a partire da 500 ore di navigazione all'anno", dice Thierry Berest di Yanmar, distributore di Neander Shark. "Uno studio con il Comune di Cannes per le sue 5 imbarcazioni utilizzate nella gestione dell'acqua dimostra che l'investimento si ripaga da solo in 5 anni"

Quale sostenibilità ecologica?

Mentre le argomentazioni economiche e tecniche sono ovvie, rimane la questione del combustibile e dell'inquinamento. I motori diesel sono sempre meno presenti sulla strada a causa delle emissioni di particolato. Dovrebbero essere sviluppate in mare? Essendo più adatta all'uso rispetto ad un equivalente a benzina con un consumo inferiore, la nave di servizio del porto emette meno sostanze inquinanti? Non siamo stati in grado di fare il calcolo. Va notato che, a parità di utilizzo, lo sviluppo della propulsione elettrica potrebbe portare alla nascita di un concorrente più popolare e a priori più ecologico.

Altri articoli sui canali :