Intervista / Gsea Design: "Con la struttura delle barche corriamo meno rischi"

Denis Glehen, fondatore di Gsea Design

Denis Glehen, fondatore di Gsea Design, specialista nel calcolo strutturale, ci offre la sua visione delle evoluzioni del mondo delle regate d'altura e la comprensione dei calcoli e dei materiali nella nautica da diporto.

Gsea Design è un punto di riferimento nel campo del calcolo strutturale per le regate offshore e la nautica da diporto. Il suo fondatore, Denis Glehen, parla con BoatIndustry dell'attualità dell'azienda e della sua visione del settore.

In quali progetti è attualmente coinvolta Gsea Design? Che visibilità hai?

Attualmente abbiamo circa venti progetti con uno staff di 18 persone. Stiamo lavorando all'IMOCA, all'Ultim o all'America's Cup. Per esempio, abbiamo lavorato con tutti gli architetti che hanno progettato gli IMOCA che presto entreranno in acqua. Eravamo al primo posto con Juan Kouyoumdjian e Sam Manuard e ora siamo al secondo posto nell'audit per Christophe Verdier. Stiamo diversificando un po' anche al di fuori della nautica.

La visibilità è di 2,5 mesi e mezzo, il che è normale per noi. Oggi non mi preoccupo più di questo!

Come vedi l'evoluzione dell'ambiente? Perché ti stanno trovando?

Le persone si rivolgono a noi per la nostra affidabilità e il supporto che forniamo durante tutto il progetto. Nelle regate oceaniche, l'ambiente sta cambiando. Le squadre si stanno organizzando. Stiamo parlando di orari, di tempi di calcolo delle prenotazioni, perché non possiamo più sopportare come prima. Ci sono squadre grandi e piccole e l'elastico si estende tra i due, con una grande differenza. Anche nel settore della nautica da diporto la situazione sta cambiando tra i principali costruttori. Nel complesso, prendiamo meno rischi. Non è tanto l'avventura!

Una decorazione che ispira a Gsea Design...

Quali sono gli sviluppi nei biomateriali o nella strumentazione delle imbarcazioni?

È in corso una mutazione per dimensionare un pezzo non più in relazione ad un caso di carico massimo, ma tenendo conto della sua vita e della fatica del materiale. Ciò richiede la capacità di utilizzare e interpretare la massa di informazioni raccolte dai sensori integrati nelle parti. Abbiamo sviluppato Recala, uno strumento per leggere i log dei sensori e tradurli fisicamente e capire come viene caricato il pezzo. Siamo in discussione con Pixel sur mer (NDLR: società di elettronica navale specializzata in strumentazione navale) per integrarla nei loro alloggiamenti.

Per quanto riguarda i biomateriali, ci stiamo occupando di questo e stiamo lavorando con Kaïros e l'Università della Bretagna del Sud sulla loro caratterizzazione. In generale, siamo associati ai team per definire i protocolli di prova dei materiali che eseguono prima di scegliere il sito di produzione.

In caso di incidenti e rotture, come viene gestita la gestione della responsabilità civile?

C'è molto lavoro da fare prima di tutto per ripulire il sottobosco. La comunicazione è essenziale per esprimere e condividere il rischio. Per questo motivo è necessario che il team sia un vero e proprio project manager che fa le scelte con le capacità interne per farlo. Ciò è sempre più vero e limita il rischio di contenzioso.

Altri articoli sui canali :