Mantenere le fiere d'autunno: i professionisti riflettono sulla posizione da adottare

Dopo aver vissuto tutte le esperienze di reclusione forzata, la vita riprende gradualmente il suo corso e tra i temi importanti da trattare c'è la questione della sua presenza o della sua partecipazione ai saloni nautici autunnali di Cannes e La Rochelle. Una questione presa sul serio, perché genera spese, ma anche affari.

Come di consueto, la stagione nautica 2021 dovrebbe aprirsi con il Festival di Cannes (da martedì 8 a domenica 13 settembre 2020), poiché all'inizio di giugno gli organizzatori hanno annunciato il proseguimento di questo evento, seguito in Francia dal Grand Pavois a La Rochelle (da martedì 29 settembre a domenica 4 ottobre 2020).

Prima di conoscere i prossimi annunci governativi sulle regole da rispettare in questo tipo di eventi, BoatIndustry ha contattato alcuni professionisti del settore nautico per conoscere le loro sensazioni su una possibile presenza o partecipazione all'evento di Cannes.

Recuperare il tempo perduto e prepararsi per la nuova stagione.

La fine del periodo di reclusione ci riporta tutti in una vita quotidiana sociale e professionale con i suoi vincoli (allontanamento, disinfezione...). Con l'avvicinarsi dell'estate, l'obbligo di tutti è quello di recuperare il tempo perduto per rispondere alle richieste del mercato grazie a questa ritrovata libertà. Per abitudine, questo periodo primaverile è anche l'occasione per preparare il ritorno a scuola a settembre e in particolare le cosiddette fiere autunnali.

Salon nautique de Cannes 2019
Salone Nautico di Cannes 2019

Un interrogatorio logico

In generale, tre domande ricorrenti riguardano il Festival di Cannes Yachting:

  • Questo spettacolo è internazionale. Quale sarà dunque l'atteggiamento degli stranieri, siano essi visitatori o espositori?
  • Come affrontate i corridoi affollati?
  • Quali sono le procedure da seguire prima, durante e dopo una visita in barca o un test drive?

Ciò non impedisce ai giocatori del Sud della Francia di essere ferventi difensori del mantenimento di questo evento diventato inevitabile.

Essere presenti a Cannes a determinate condizioni

Nicolas Benveniste, presidente di Servaux a Marsiglia, spiega: "In termini economici, il salone di Cannes è essenziale. Una parte importante dei nostri clienti viene, i fornitori e i produttori vogliono mantenerla", e conferma: "se si svolge a Cannes, io ci vado! »

Paradossalmente, alcuni produttori di barche stranieri stanno già dicendo che lo spettacolo non avrà luogo, una dichiarazione che è arrivata alle orecchie di Thierry Nanique dell'MD Boat di Les Issambres, mentre l'interessato conferma l'interesse dell'evento per il business.

Altri hanno convalidato la loro partecipazione con garanzie in caso di rinvio o cancellazione dell'evento, come Lomac: "Dopo esserci posti molte domande e anche se ci poniamo ancora questa domanda a causa degli impegni finanziari legati ai termini di pagamento", riferisce Pierre Carpentier, direttore commerciale per la Francia, che insiste sul fatto che troppi punti rimangono poco chiari per proiettarsi nella preparazione dello spettacolo.

Infine, alcuni, come Frank Hillen, distributore di Brig RIBs per la Francia, sono più dubbiosi sulla sua partecipazione agli spettacoli autunnali: "Gli spettacoli sono già costosi, dobbiamo ancora parteciparvi. Ci saranno meno visitatori e se le presenze diminuiranno, quale sarà il ritorno dell'investimento? Per convalidare la tua iscrizione, devi pagare un acconto e non voglio perderlo, anche se sono pronto a partecipare. »

Le nouveau bassin réservé aux voiliers à Cannes 2019
La nuova piscina riservata alle barche a vela a Cannes 2019

Immaginare un modello diverso per budget limitati

Per il futuro, Frank Hillen immagina che un ritorno alle fiere locali con un'organizzazione snella rimanga la soluzione più conveniente. Come dice Jérôme Caillaud LBC Nautic a La Baule: "Mi chiedo se la crisi attuale non offra l'opportunità di provare cose diverse piuttosto che mantenere gli eventi senza sapere se la clientela ci sarà o le condizioni sanitarie che verranno imposte. "Non è il momento giusto per iniziare?

Limitare i costi per rendere redditizio il vostro investimento

Insomma, partecipare a un salone come quello di Cannes ha un costo significativo. Molte domande sull'organizzazione e sulla partecipazione rimangono senza risposta. La forza della guerra è quella di non spendere soldi inutilmente, rischiando di mettere a dura prova la tesoreria già fortemente indebolita dalla crisi.

L'incertezza è all'ordine del giorno, anche se c'è una leggera brezza di ottimismo. Ma la parola d'ordine è limitare l'assunzione di rischi inutili e garantire un ritorno sull'investimento che purtroppo è difficile da valutare.