V-60 Un gatto: un catamarano per innovare e testare tutto

Un gatto, un catamarano da laboratorio che presto sarÓ abbattuto. © V-Yachts

Maxence Valdelievre, un vero Geo Trouvetou della nautica da diporto e dell'architettura navale, ha lanciato un laboratorio di catamarani per convalidare ogni tipo di innovazione tecnica. Come sfondo, per limitare i costi, il consumo di carburante e facilitare le manovre.

Appassionato di tecnologia

Il nostro uomo non Ŕ un tipo stravagante: questo architetto ha lavorato al Catana prima di gestire Tenderlift, azienda specializzata nella progettazione e produzione di attrezzature idrauliche per la nautica. Maxence Valdelievre passa ora al lavoro pratico in tutte le direzioni; da una base di Classe 6 costruita dal cantiere O Yachts, c'Ŕ spazio per l'innovazione per questo ora V-60!

La Classe 6, leggera, innovativa e veloce

Questo catamarano Ŕ giÓ originale alla base con scafi sottili a gradini e soprattutto il suo fascio longitudinale centrale - un vero e proprio terzo scafo rialzato, contribuisce alla rigiditÓ generale della piattaforma e alla buona tenuta di mare alla fine dei surf pi¨ selvaggi. Un gatto Ŕ il suo nome, Ŕ stato quindi preparato a Canet-en-Roussillon con l'obiettivo di esplorare e convalidare nuovi concetti.

Un unico motore a combustione..

Di solito, un catamarano Ŕ spinto da due motori, di solito termici. Essi rappresentano un budget significativo - dal 5 al 10% del costo totale di un catamarano e circa lo stesso in movimento. Maxence ha quindi cercato un modo nuovo e particolarmente originale: ha installato un unico motore a combustione ad alta cilindrata e bassa rotazione con una grande elica. VelocitÓ di crociera: 9 nodi a 1800 giri/min, picco a 12 nodi a 2400 giri/min. ╚ con questa configurazione che Un gatto si Ŕ unito a Canet dalla Lettonia.

...e un secondo elettrico

Sono stati poi montati un gruppo di potenza Torqueedo da 10 kW accoppiato ad una batteria al litio atomica da 2 kW a 48 volt, pannelli solari da 1 kW e un alternatore da 48 volt e 2 kW accoppiato al motore principale. Un gatto pu˛ progredire a 2 nodi con tempo calmo e soleggiato senza consumare la batteria. Il motore elettrico funge anche da idrogenatore a vela. I vantaggi: un risparmio di peso di 250 kg e 12.000 euro. Per non parlare dei ridotti costi di manutenzione e del risparmio di spazio. D'altra parte, per le manovre, Un gatto pu˛ contare solo su un motore "reale".

Altre innovazioni

Altre novitÓ sviluppate a bordo di One Cat: una piattaforma Y-Lift interamente realizzata in carbonio - solo 50 kg -, timoni retrattili, tavole da pugnale galleggianti, piastre di catena in carbonio. In primo luogo, il V-60 non sarÓ accoppiato. Ma un sistema idraulico completo con sensori di carico - braccio avvolgifiocco, sistema di avvolgimento del genoa, lamiere, ecc.

Un programma originale

Un gatto Ŕ stato operato per tre mesi da una missione scientifica e potrebbe presto servire come barca di compagnia per Doris Wetzel, la prima donna ad aver attraversato il Mediterraneo nel kitesurf. La prossima sfida per la velista Ŕ infatti quella di attraversare l'Atlantico nel 2021. Alla fine, il V-60 sarÓ gestito da Maxence per promuovere i sistemi sviluppati dalla sua azienda V-Yacht. Il catamarano sarÓ anche una piattaforma di lavoro itinerante. A bordo, un'officina idraulica, una stazione di saldatura e una macchina da cucire professionale. L'idea Ŕ quella di poter intervenire direttamente nelle zone di ancoraggio nel Mediterraneo per cominciare, nelle Indie Occidentali in seguito.